Che cos'è la SCIA?

La SCIA – Segnalazione certificata Inizio Attività Produttiva è la dichiarazione che consente di iniziare, modificare o cessare una delle attività produttive (artigianali, commerciali, industriali) puntualmente indicate dalla Regione Lombardia (nelle Deliberazioni della Giunta Regionale n. VIII/4502, n. VIII/6919, n. VIII/8547). 
Tecnicamente la SCIA è un’autocertificazione (dichiarazione sostitutiva di certificazione e/o atto di notorietà) che deve essere compilata utilizzando esclusivamente la modulistica unificata predisposta dalla Regione Lombardia valida su tutto il territorio regionale.

A seconda dei casi, la dichiarazione deve essere presentata utilizzando:

  • il Modello A se si tratta di inizio, ampliamento, trasferimento, modifiche strutturali dell’attività; 
  • il Modello B se si tratta di subingresso, cambio di denominazione/ragione sociale senza modifiche strutturali dell’attività, sospensione, ripresa, cessazione dell’attività; 

Ai modelli A e B vanno allegate le schede aggiuntive 1-2-3-4-5-6 (a seconda delle diverse tipologie di attività).
Per l'installazione di nuovi distributori  e cessazioni di apparecchi automatici per la vendita di prodotti alimentari deve essere effettuata comunicazione semestrale all'A.S. L. utilizzando il relativo Modello.

Quando occorre presentarla

La SCIA deve essere presentata prima dell’inizio (o della modifica, sospensione, ripresa, cessazione) dell’attività, la sua presentazione - completa e corretta - costituisce titolo necessario per intraprendere con decorrenza immediata l’esercizio dell’attività.

Quando non serve

Non sono tenuti a presentare la SCIA i piccoli laboratori artigianali che impiegano fino a 3 addetti adibiti a prestazioni che:

  • non producano, con impianti o macchine, emissioni in atmosfera ai sensi del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152;
  • non abbiano scarichi idrici di tipo produttivo;
  • non producano rifiuti speciali pericolosi;
  • non abbiano un significativo impatto rumoroso con l’ambiente.

A titolo di esempio, possono rientrare in questi casi l’elettricista, il riparatore TV, il calzolaio, il sarto e assimilabili.

Sono in ogni caso assoggettati ad obbligo di presentazione SCIA le attività che, pur con meno di 3 dipendenti, siano:

  • industrie insalubri quali officine per lavorazione di metalli, falegnamerie, tipografie, friggitorie, lavanderie a secco (vedi elenchi delle attività riportati nel Decreto Ministero della Sanità 5 settembre 1994 ) precedentemente soggette a NOE - nulla osta esercizio;
  • attività quali autolavaggio, autofficina, elettrauto, stoccaggio e trasporto rifiuti precedentemente soggette a NOE - nulla osta esercizio;
  • attività di deposito/movimentazione merci e automezzi diversi dai depositi (vedi punto 6 dell’allegato 3C della Deliberazione Giunta Regionale 14 maggio 1999, n. 6/43036);
  • deposito mezzi adibiti al trasporto collettivo passeggeri.
Chi deve presentarla

La SCIA deve essere presentata dal titolare o dal legale rappresentante dell’impresa ubicata sul territorio del Comune di Calcio.

Dove rivolgersi per ottenere ulteriori informazioni

All’Ufficio sportello unico attività produttive (SUAP)

  • Tel. 0363 968444
  • Tel. 0363 906444
Le attività soggette a SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività)
  • Acconciatori
  • Agenzie d'affari
  • Agibilità di edifici destinati ad attività economiche
  • Agriturismo
  • Alberghi e residenze turistico alberghiere
  • Artigiani (kebab, pizzerie d'asporto, rosticcerie, gastronomia, pasticcerie, ecc.)
  • Bed & Breakfast, affittacamere, case vacanze
  • Commercio al dettaglio in sede fissa, medie strutture di vendita
  • Commercio al dettaglio in sede fissa, esercizi di vicinato
  • Commercio al dettaglio in sede fissa, grandi strutture di vendita
  • Commercio all'ingrosso
  • Commercio elettronico
  • Commercio in sede fissa, spacci interni
  • Commercio su aree pubbliche, in forma itinerante
  • Commercio su aree pubbliche, in posteggio di mercato
  • Commercio su aree pubbliche, partecipazione alla spunta
  • Distributori automatici
  • Distributori di carburanti
  • Estetisti, massaggiatori, centri abbronzatura, centri benessere, saune, tatuaggi, piercing
  • Farmacie
  • Fochini
  • Lavanderie
  • Manifestazioni e spettacoli
  • Noleggio con conducente - autobus
  • Noleggio con conducente - autonoleggio
  • Noleggio senza conducente
  • Occupazione di suolo pubblico
  • Panificatori
  • Parafarmacie
  • Preziosi
  • Produttori agricoli
  • Rimesse veicoli
  • Rivendita di giornali e riviste
  • Saldi e vendite straordinarie
  • Sale giochi
  • Scommesse
  • Somministrazione di alimenti e bevande - bar, ristoranti, trattorie
  • Somministrazione di alimenti e bevande - circoli privati o associazioni
  • Somministrazione di alimenti e bevande svolta congiuntamente ad altre attività
  • Spettacoli viaggianti: esercizio dell'attività
  • Spettacoli viaggianti: registrazione delle attrazioni
  • Tabaccherie
  • Tombole, lotterie e pesche di beneficienza
  • Vendita di cose antiche ed usate
  • Vendita per corrispondenza
  • Vendita presso il domicilio dei consumatori
  • Vendite sottocosto
  • Videogiochi, o apparecchi per il gioco lecito installazione o noleggio

Informazioni più generali potranno essere acquisite anche attraverso la consultazione del portale nazionale denominato: www.impresainungiorno.gov.it.

Avvertenze

Le SCIA (segnalazione certificate inizio attività) sono soggette, al momento della loro presentazione, ad un controllo formale, volto ad individuare le eventuali informazioni e/o allegati mancanti. Una SCIA non correttamente compilata o incompleta è irricevibile.

Le SCIA (segnalazione certificate inizio attività) devono fornire le informazioni necessarie a descrivere compiutamente l’attività che si vuole attivare o modificare, prestando particolare attenzione alla corretta e completa compilazione di tutti i campi obbligatori.

Le responsabilità legali sono trasferite a carico del dichiarante e, quindi, si ribadisce che è estremamente importante compilare in maniera completa e corretta le SCIA (segnalazione certificate inizio attività).  Le dichiarazioni mendaci comportano la denuncia all’autorità giudiziaria, con possibili conseguenze penali a carico del dichiarante.

Lo svolgimento dell’attività in maniera difforme da quanto dichiarato comporta l’adozione di provvedimenti sanzionatori (sanzioni pecuniarie e, nei casi più gravi, la chiusura dell’attività).

Allegati

AllegatoDimensione
PDF icon Modello A598.34 KB
PDF icon Modello B581.33 KB
PDF icon Scheda 1507.9 KB
PDF icon Scheda 2327.95 KB
PDF icon Scheda 3328.85 KB
PDF icon Scheda 4259.44 KB
PDF icon Scheda 5322.85 KB
PDF icon Scheda 6427.31 KB
PDF icon Modello di Comunicazione ASL73.07 KB
PDF icon Istruzioni per la compilazione dei modelli1.25 MB